Geological and physical parameters of the Gulf of Salerno



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

GEOLOGY AND MARINE BIOLOGY

Geological and physical parameters of the Gulf of Salerno

In Gulf of Salerno the provincial capital city, with its tourist harbors and the commercial port, where cruise ships and ferries for the Amalfi Coast also dock, for about six kilometers of coastline.

Salerno extends parallel to the coast, with a straight promenade. It can boast a variety of landscapes, having to the North the Amalfi Coast, with its rocky coasts, caves, and small beaches, to the South long beaches that then end in Cilento, where you have again rocky coasts and splendid hollows.

The plain overlooking the Gulf of Salerno was formed after the collapse of the Gulf in the Quaternary. It is made up of alluvial sediments, which form the seabed, presenting a psammitic and psephytic granulometry, as well as gravelly and sandy material.

Two rivers have their outlet on the Gulf of Salerno, the Sele with a significant sedimentary contribution, and the Irno, little more than a stream.

The backdrop it slopes gently with the 50m bathymetry almost 5 miles from the coast; it has a sandy-gravelly granulometry, as well as silts and peat brought from the Sele and the Irno.

Recent studies have highlighted a seismic risk medium-high.

The currents affecting the Gulf of Salerno, come mainly from the North, due to the Tyrrhenian circulation, which is locally modified by the morphology of the coast, in fact, the Sorrento Peninsula and Capri create a shelter from this, modifying it and thus allowing the formation of currents of character local, in addition to those of gradient and drift.

The drift currents, due to the interaction with the winds, do not affect the deep stages, as they decrease in intensity as the depth increases; they are mostly due to the Grecale, the predominant wind in the Gulf at Salerno, the Libeccio is a traverse and the Tramontana and Maestro are close behind.

The gradient currents, due to the difference in density, caused by variations between temperature and salinity, tend to diminish thanks to the gentle slope of the seabed. These can also form due to a superficial difference, perhaps caused by a strong wind, so it happens that from drift currents one passes to gradient currents.

The area in question presents a sort of protection from this type of phenomenon, therefore the currents will be weak and of variable direction.

It must be taken into account that these gradient currents are, on the other hand, very present and intense in the part of the Gulf of Salerno on which the Amalfi Coast overlooks.

From an ecological point of view, the Gulf of Salerno has typical characteristics of the Mediterranean. We will also find expanses of Poseidonia, even if in extension decreased compared to a few decades ago, also due to non-regularized trawling, and all those species typical of this habitat.

Dr. Rossella Stocco


Italian geology

The study and description of the Italian geology is very complex as the geographical boundaries of what is generically referred to as the "Italian geographical region" in physical and political geography do not coincide with particular geological boundaries: the recognizable watershed on the Alpine chain does not identify and does not coincide with the limit of any geological province with respect to continental Europe and the Strait of Bonifacio do not mark any geological distinction between Sardinia and Corsica [1]. To describe the Italian geology it is necessary to range from the north with the geology of the central alps that Italy shares with Switzerland to the south in the Sicilian channel whose geology includes that of the Tunisian offshore, to the west the geology of Sardinia is part of that southern France and one with that of Corsica, while to the east the limestone successions of the Apulian foreland continue in the regions of Dalmatia and the Balkans and the limestone dominion of the southern Alps extends to the Dinarid Alps.

The complexity of the geology of this region, such that in a relatively small area there is a high diversity of geological characters, together with the presence of numerous active endogenous and exogenous phenomena, has meant that the Italian territory has been the cradle of part of geological thought, thanks to the work of Italian and foreign scholars who have studied its aspects on the ground, including Steno, founder of stratigraphy, Dolomieu the discoverer of the dolomite in the mountains that took its name from him: the Dolomites, Charles Lyell the father of modern geology who visited Italy for a long time and placed on the title page of his main work Principles of geology the image of the Temple of Serapis for its columns testifying to bradyseism and Giuseppe Mercalli, father of modern seismology, and thanks to Piero Ginori Conti geothermal energy was born in Italy.


Avalanche Day 2020, the re-enactment

It is now a fixed appointment for us of the 36th Div. Texas Reenactment Naples since 2017, to participate in the event organized by Mu.Bat. of Battipaglia, to remember and commemorate (this year is the 77th anniversary) the war events, which took place on 9 September 1943, on the coast of Salerno.

The event takes place inside the Spineta tourist complex (Battipaglia), right on the beach where some British units landed (Roger Sector). The re-enactment of the battle is recreated on a piece of the beach, with its Germanic defenses, and with pyrotechnic effects, to better make the public understand what the 1943 landing could have been like. Various Living History associations participate, including NSAF43 / 45 from Lazio and Husky 1943 from Sicily, as well as individuals who come from various parts of the boot. This year due to the anti covid19 provisions implemented by the Campania Region, the battle took place, without physical contact between the reenactors. The tribune of the authorities and the public, wearing masks, tried to maintain social distancing as much as possible. At the end of the battle, the mayor of Battipaglia, together with a group of children, and the allied reenactors, threw white roses into the sea in honor of all the fallen, both civil and military. Battipaglia suffered violent Anglo-American bombings in 1943, which almost completely razed the city to the ground. The official estimate of human costs is 117 victims, and also for this reason, in 2006, the President of the Republic Carlo Azeglio Ciampi awarded the Municipality the Silver Medal for civil merit.

Carmine Terracciano 36th ID Texas Naples


Geological and physical parameters of the Gulf of Salerno

Reception hours Tax Office of the Municipality of Ricco 'del Golfo di Spezia: Tuesday 9.00-13.30 and Thursday 9.00-12.00.

DURING THE COVID-19 EMERGENCY, access to the public is allowed only for motivated, urgent and non-postponable needs and by prior telephone appointment.

The office can be contacted by telephone on Tuesday 9.00-12.00 and Thursday 9.00-12.00.,

3.1. C Complaints forms

COMPLAINTS RELATING TO THE WASTE SERVICE

As a rule, the reports relating to the waste collection service must be forwarded to the Acam Ambiente Iren Group manager using the appropriate forms that can be downloaded from the following link: www.acamambiente.com - transparency section - complaints

The report can be sent, using the attached model "waste complaints form to the Municipality" also to the Environment office of the Authority which will promptly forward it to the Acam environment manager-Iren group via email: [email protected] or communicated to the following telephone number: 0187/925106 ext. 3

COMPLAINTS RELATING TO THE SERVICE QUALITY CHARTER, RATE MANAGEMENT AND RELATIONS WITH USERS

Any violation of the principles and standards set by the Charter for the quality of the service, rate management and relations with users can be reported by the person concerned, in writing, on the specific forms attached to the quality of service charter in section G downloadable in PDF or in editable PDF.

In the case of a complaint made in person, it is the duty of the office clerk who receives the complaint to draw up an appropriate report in the available form, to be signed by the user in relation to what is considered to be the subject of violation, reporting all the details and attaching useful documentation. .
Within the term of 30 days (starting from the date of registration of the complaint in the general protocol), the TARI Office will report to the user on the outcome of the checks carried out and will communicate the time within which it will remove the irregularities, if found.


Index

  • 1 General framework
    • 1.1 The structure in European geology and in the geology of the Mediterranean
  • 2 Structural framework
    • 2.1 Geology of the Alps
      • 2.1.1 Swiss domain
      • 2.1.2 Pennidic Domain
      • 2.1.3 Austroalpine domain
      • 2.1.4 Insubric line
      • 2.1.5 Southern Alpine
        • 2.1.5.1 Ivrea Verbano area
    • 2.2 Geology of the Apennines
      • 2.2.1 Northern Apennines
        • 2.2.1.1 Ligurides
        • 2.2.1.2 Umbrian Marchigiano domain
        • 2.2.1.3 Tuscan domain
        • 2.2.1.4 Apuan Alps
      • 2.2.2 Central Apennines
      • 2.2.3 Southern Apennines
      • 2.2.4 Adriatic Foreland
        • 2.2.4.1 Geology of Calabria
    • 2.3 Geology of the seas
      • 2.3.1 Sicily and the Sicilian Channel
      • 2.3.2 Tyrrhenian Sea geology
      • 2.3.3 Ionian Sea geology
      • 2.3.4 Adriatic Sea
    • 2.4 Sardinian-Corsican blockade
    • 2.5 Po Valley and Venetian Plain
  • 3 Historical Geology
    • 3.1 Italian Pre-Paleozoic
    • 3.2 Italian Paleozoic
      • 3.2.1 Cambrian - Italian Carboniferous
      • 3.2.2 Italian Permian
      • 3.2.3 Significant fossils of the Italian Paleozoic
    • 3.3 Italian Mesozoic
      • 3.3.1 Italian Triassic
        • 3.3.1.1 Significant fossils of the Italian Triassic
      • 3.3.2 Italian Jurassic
        • 3.3.2.1 Significant fossils of the Italian Jurassic
      • 3.3.3 Italian Cretaceous
        • 3.3.3.1 Significant fossils of the Italian Cretaceous period
      • 3.3.4 Significant fossil vertebrates of the Italian Mesozoic
    • 3.4 Italian Cenozoic
      • 3.4.1 Italian Paleocene Eocene Oligocene
        • 3.4.1.1 Significant fossils of the Italian Paleocene Eocene Oligocene
      • 3.4.2 Italian Miocene
        • 3.4.2.1 Significant fossils of the Italian Miocene
      • 3.4.3 Italian Pliocene
        • 3.4.3.1 Significant fossils of the Italian Pliocene
      • 3.4.4 Italian Pleistocene
      • 3.4.5 Italian Holocene
  • 4 Italian Vulcanism
    • 4.1 Paleozoic volcanism
    • 4.2 Cenozoic volcanism
      • 4.2.1 Euganean Hills Volcanism
    • 4.3 Neogenic volcanism
      • 4.3.1 Tuscan magmatic province
      • 4.3.2 Latium magmatic province
      • 4.3.3 Umbrian Lazio ultra-alkaline district
      • 4.3.4 Campania Volcanic Province
      • 4.3.5 Volcanism of the Aeolian arc and Tyrrhenian basin
      • 4.3.6 Volcanism of the African-Adriatic foreland
        • 4.3.6.1 Vulcanism Southern Apennines
        • 4.3.6.2 Sicilian Vulcanism
        • 4.3.6.3 Volcanism of the Sicilian Channel
    • 4.4 Mud volcanoes
  • 5 Georesources
    • 5.1 Mineral resources
    • 5.2 Hydrocarbons
    • 5.3 Hard coal
    • 5.4 Italian mining districts
      • 5.4.1 Italian ore deposits
      • 5.4.2 Italian non-metallic deposits
      • 5.4.3 Evaporites and sulphates in Italy
      • 5.4.4 Italian radioactive mineral deposits
    • 5.5 Geothermal energy in Italy
    • 5.6 Building materials
    • 5.7 Natural, non-metallic materials for industry
    • 5.8 Water resource
      • 5.8.1 Water reserves
      • 5.8.2 Italian thermal springs
  • 6 Italian geomorphology
    • 6.1 Italian glaciers
      • 6.1.1 Typical morphologies and landscapes connected to Italian glaciers and glaciations that have occurred
    • 6.2 Italian karst
    • 6.3 Geomorphology of the coasts
    • 6.4 Italian limnology
    • 6.5 Italian hydrography
  • 7 Italian Geophysics
    • 7.1 Italian Seismology
    • 7.2 Gravimetry
    • 7.3 Italian magnetometry
  • 8 Natural risks and hydrogeological instability
  • 9 Notes
  • 10 Bibliography
  • 11 Related items
  • 12 Other projects
  • 13 External links

The description of the Italian geology is very complex compared to that of most European countries, just think that there are testimonies of two of the three orogenesis: Caledonian, Hercynian and Alpine, which involved part of the lands that today form Europe from the Paleozoic to today, rocks involved in the Hercynian orogeny are present in Sardinia and Calabria (Sila and Aspromonte area) and in various sectors of the Alps, while the whole Alpine and Apennine arc was created by the not yet concluded Alpine orogeny.

As a whole, the present geological structure of the geographical area identified as the Italian peninsula and its major islands is the result of numerous geological events connected to the relative movements of two lithospheric plates: the African and the European one whose margins fragmenting during their relative movements with the formation of the Tethys ocean and therefore the approach and consequent closure of the Tethys and the opening of the Atlantic ocean have given rise to a series of interposed microplates, not always well defined, and to the ongoing oceanization of a large area of ​​the Tyrrhenian Sea and the Balearic basin to the west of Sardinia. This arrangement is superimposed on traces of events linked to movements and collisions of lithospheric plates preceding the formation of the current Eurasian plate.

The presence of a relevant and active neogenic volcanism, unique in continental Europe, and the high seismicity present in most of Italy, testify to the complex geodynamically still active structure of the area and make it one of the most active geological regions in the globe.

In this arrangement, after about two centuries of studies, geologists recognize a European dominance, linked to the events of the southern edge of the European plate, which includes the Sardinian-Corsican block with part of the Tyrrhenian Sea in solidarity, presumably the Calabro Peloritano arch, the the western Mediterranean basin, the system of alpine aquifers with European verge, consisting mainly of metamorphic rocks with batholith intrusions and evidence of African compression towards Europe. The Insubric line separates this domain from the Southern Alps which is formed by a system of adriatic slopes, consisting mainly of calcareous sequences extending east into the Dinarides [2]. The Po Valley constitutes a single large sedimentary basin, still subsiding in the eastern sector and which ideally has its extension in the Pliocene-Holocene sequences of the Adriatic Sea.

Within the Apennine chain, the Ancona Anzio tectonic line separates the northern Apennines, mainly consisting of terrigenous flyshes, from the southern Apennines in which carbonate formations are more abundant, both characterized by a system of aquifers that overflows towards the Po Valley and on the Apulian foreland which forms the outcropping part of the Adriatic plate, subducting towards the west under the peninsula, which extends from the Ionian Sea to the western end of the Po Valley and which constituted a northern "promontory" of the African plate to the south.

Sicily is partly formed by Maghrebi units deriving from the deformed African convergent margin, while the islands south of the Sicilian Channel, such as Pantelleria, share the geology of the Tunisian province. The Tyrrhenian Sea has a neogenic oceanic crust expanding in two areas: the Marsili Basin and the Vavilov Basin, while a Mesozoic oceanic crust is believed to be present in the Ionian Sea below a massive sedimentary cover.

The structure in European geology and in Mediterranean geology Edit

The formation of the Mediterranean Sea occurred in geologically recent times and the Mediterranean is the result of the collision between the African-Arabian and European plates that shaped its geological structure, and involved the destruction of much of the oceanic crust of the Tethys together. to an ever greater connection of this basin with the global ocean system.

The Italian peninsula is formed by the wrinkling generated by the tertiary orogenetic belt, called the Alpine-Himalayan chain, formed during the Alpine orogeny following the closure of the Tethys. This mountain range, formed by overlapping slopes (called thrust-belts in English literature) starts from the Atlas Mountains, in North Africa, then continues through Sicily, the Apennines, the Alps, the Dinarides, the Hellenids, ending in the Himalayan chain. Connected to the same event, the formation of large relaxing basins is observed.

In this context, the Italian peninsula separates the Mediterranean from the western Mediterranean, characterized by areas in which a distensive tectonics is active and the formation of a new and young oceanic crust, or in the process of oceanization, from the eastern Mediterranean with areas in which it is still present a tethid oceanic crust and with seismically active edges.

During the Miocene there was initially the disappearance of the connections of the Mediterranean with the Indo-Pacific ocean and the opening in the lower Miocene of the Algerian-Balearic basin and in the upper Miocene the progressive decrease, until the closure of communications with the Atlantic Ocean, in this way the Mediterranean basin has become a marginal basin. Starting from the upper Miocene to the Pleistocene we witness the opening of the Tyrrhenian Sea. The Pliocene begins with a rapid marine transgression that indicates the opening, through the Gibraltar threshold, of communications with the Atlantic and the return to normal marine conditions. The basinal sequences of the Apennine foreland that settle from the lower Pliocene to the lower middle Pleistocene are generally deformed by faults, reverse faults and, in Basilicata, overrun by allochthonous coverings, indicating a tectonic shortening in the west-east direction of the sequence coeval with the sedimentation, occurred during the Apennine orogeny [3]. Also in the Pleistocene the uplift of a large part of the peninsula and of Sicily took place, bringing out large outcrops of Neogenic and Quaternary marine sediments, rich in fossils and often characterized by a cyclical sedimentation [4].

Geology of the Alps Edit

The Alps form a mountainous arc with vergence towards the north surrounding the foreland basin of the Po and have a very complex geological structure.

Geologically they are divided considering the position of its structural elements with respect to the Insubric line or Periadriatic line, well recognizable on a regional scale, developed, with a prevalent east-west orientation across all the Alps and which represents the surface contact between the old Apula and Eurasia tectonic plates. . To the south of this line are the folded and overflowed units of the Sudalpino, to the north there are three paleogeographic domains: the Helvetic, the Pennidic and the Austroalpine, characterized by rocks of varying degrees of metamorphism. This subdivision also reflects the original paleogeographic areas of the rocks: the Swiss area contains rocks from the European plate, the Austroalpine area contains rocks from the Apulian plate, while the pennidic area contains an old ocean basin between the first two areas [5] [ 6] [7].

The Alps continue in the adjacent mountain ranges: the Apennines in the southwest, the Dinarids in the southeast and the Carpathians in the northeast. To the east, the Alps are bounded by the Viennese basin and the Pannonian basin.

Swiss Domain Edit

In the Swiss domain [9] we distinguish several tectonically different units.

To the north we can recognize the "Swiss aquifers" made up of a stacking of overthrusts moved over the Molassic basin into the Alpine foreland. They are mainly formed by Mesozoic sedimentary rocks of a marine environment: limestone, marl and clays such as the Flysch of Ventimiglia, these layers are completely detached from their original base, consisting of the southern edge of the European plate.

In eastern Switzerland the Swiss aquifers are overrun above the "Infra-Helvetic complex", which is composed of native Mesozoic sediments deposited on a Hercynian base, these sediments are contemporary with those of the Swiss aquifers, but were deposited further north than what was the continental slope and therefore consist of rocks representative of sedimentary facies of shallower waters. The infraelvetic complex is internally deformed by overruns and folds that continue in the Hercynian base. Since there is continuity between the basement and the sedimentary cover, geologically in the area no covering layers are recognized

Pennidic Domain Edit

The 'Pennidic Domain (o Pennidic aquifer or Pennidic) is mainly present in the western area, compared to the eastern area where they emerge in a narrow band. Its name derives from the region of the Pennine Alps where this formation is abundant. Among the various alpine layers, the pennidic area is the one with the highest metamorphic grade rocks. Originally its rocks were sediments deposited on the oceanic crust that existed between the European plate and the Apula plate, subsequently subducted and finally exhumed to the surface.

The pennidic aquifer can be divided into 4 units:

  • The rocks of the European continental margin, went into subduction and subsequently into obduction.
  • Rocks from the crust of the Valais Ocean, metamorphosed ophiolites and other marine sediments from the same ocean. The discovery of high-grade metamorphic rocks, such as eclogitic lenses, testify to the subduction of this portion of the crust at great depths. The sediments are limestone, now become marble and flysh of the tertiary metamorphosed into mica schists.
  • The rocks of the Brianzonese microcontinent coming from the lower part of the crust, deformed and intruded by varisic granites, but also metamorphosed sedimentary rocks: carboniferous graphite rocks, red Permian sandstones, evaporititriassic and thin limestone from the Jurassic and Lower Cretaceous.
  • Rocks from the Ligurian-Piedmontese ocean, mainly ophiolites Limestones deposited in shallow waters and ocean mud.

Austroalpine Domain Modification

The Austroalpine domain is formed by a series of allochthonous aquifers that have piled up in the course of the Alpine orogeny above the other Alpine structural units and are composed of sediments deposited starting from the Ordovician. These units represent the continental crust that was located south of the Tethys Ocean and the subduction zone, i.e. sediments of the continental shelf or the continental slope of the Apulian plate. The rocks belonging to the Austroalpine domain are found in the north-eastern part of the chain and in the western part within the klippas of Sesia-Lanzo, Dent Blanc and Monte Emilius. They are the alpine units with the least degree of metamorphism. the Sesia-Lanza area is the continental area with the greatest extension to have undergone subduction during the orogeny of the Alpine arc.

Insubric line Edit

The insubric line is an important tectonic feature, formed by a system of interconnected regional faults (Canavese line, Tonale line, Pusteria Line or Gail line, Giudicarie line) with a predominantly east-west orientation and sub-vertical position, which geologically separates the main chain of the Central Alps from the dominion of the Southern Limestone Alps.

Sudalpino Modification

It is located south of the insubric line, it consists of stacks of stratums with southern vergence, which continue in the Po subsoil below the recent deposits, until they meet the buried folds of the northern Apennines with opposite vergence. Stratigraphically, a metamorphic base is identified, with the Edolo Schists, above which a sedimentary series develops that goes from the Carboniferous to the Pliocene, and which is mainly constituted by the predominantly carbonatic Mesozoic succession that forms the so-called southern limestone Alps. The sedimentation properly afferent to the term domain in the Lombard basin with the terrigenous sedimentation of the Gonfolite group, whose detrital source is given by the dismantling of the alpine chain in development and emergence from the sea.

In the Sudalpina area there are magmatic intrusions linked to two orogenetic phases, the Hercynian Permian (Bressanone granite and Cima d'Asta granite) and the Oligocene Alpine one, which gave rise to periadriatic magmatism (plutons of pluto from Traversella and Biella, pluto of Adamello, that of Val Masino-Bregaglia and that of the Vedrette di Ries).

Zona Ivrea Verbano Edit

The Ivrea Verbano area is a structural element, characterized by a positive gravitational anomaly, consisting of a portion of the Adriatic microplate subjected to subduction. Geologically it is considered part of the structural unit of the Southern Alps, of which it constitutes the western area.

Geology of the Apennines Edit

Northern Apennines Edit

L'Northern Apennines it is between two large structures with a strong flowing component: the Sestri-Voltaggio line to the north, and the Ancona-Anzio line to the south. It consists of a stacking of strata (ie tectonic units): rock masses of considerable horizontal extension that during orogenetic movements are translated by tens or hundreds of kilometers, stacking one on top of the other, above an older base [10]. The northern Apennine chain is the result of the tectonic overlap of two different paleogeographic domains: an internal Ligurian-Emilian part (Ligurian domain) and an external Umbrian-Marchigiana part.

Liguridi Edit

The name of Liguridi indicates an allochthonous tectonic unit formed by layers of rocks from an original oceanic basin, consisting of ophiolites, i.e. metamorphosed oceanic bottom basalts, associated with jasper and covered by a powerful terrigenous sedimentary series, in which there are numerous flysch to helminths. Marly Arenacea Formation.

According to the reconstruction elaborated by Piero Elter [11], they can be distinguished into "external Ligurids" (in a lower structural position) and "internal" Ligurids (in an upper structural position and partially overlapping the external ones) separated from the ophiolites observable on the "wrinkle" of the Bracco which are the relic of the Ligurian-Piedmontese ocean floor separating the Iberian-European continent from the Apulian-African continent

The external Ligurides consist of a "basal complex" aged between the Late Jurassic and the Late Cretaceous, consisting of: Diaspers and Calpionelle limestones with reduced thickness and present only in the innermost area, breccias with calcareous fragments (deriving only from limestone in Calpionelle) and ophiolitic olistolites, which are covered above by deposits from the Upper Cretaceous to the Paleocene with at the base a calcareous flysch passing to deposits frankly terrigenous deposits such as the Ranzano sandstones and the Bismantova formation that derive from sedimentary contributions produced during the initial phase the alpine orogeny.

The internal Ligurides do not contain ophiolites and their sequence begins with the deposits of Radiolarites ("Diaspri") and limestones in Calpionelle (Upper Jurassic Lower Cretaceous) followed by clays interspersed with siliceous limestones (clays or limestones in Palombini) and with sandstones of the Titonian-Albian age (?), followed by the Clays of Val Lavagna (these are silty marls with arenaceous levels and varicolored clays with levels of holistostromes coming from the "ruga del Bracco"), of the Albian age (?) Senonian followed, upwards by other terrigenous deposits, the flysch of Monte Antola and the Clays of Passo del Bracco) of the upper Cretaceous - Paleocene age. The Calpionelle limestones are distinguished from the coeval Majolica of the Tuscany and Umbrian series as they are mainly formed by marl.

Domain Umbro Marchigiano Modification

The Umbrian Marchigiano Domain, consisting of sedimentary rocks, from the structural stratigraphic point of view forms the southern eastern part of the northern Apennines, and is superficially identified to the north by the limit with the "Colata della Val Marecchia", to the west by the features of the Val di Chiana and Valle del Peglia and to the south from the Monti della Laga complex. It is a marine sedimentary series deposited above the continental crust of the Apula plate, when this was a sort of northern protuberance of the African plate, from which it would have separated during the opening of the Tethys.

Domain Toscano Modification

As indicated by its name, it crops out mainly in Tuscany, it is made up of epimetamorphic units (the Unit of the Apuane and the unit of Massa), covered by the Tuscan aquifer.

Apuan Alps Edit

The Apuan Alps constitute a nucleus of metamorphic rocks (together with Monte Pisano, Dorsale Montagnola senese - Monticiano / Roccastrada) that emerges in Tuscany as a tectonic window, composed of sequences of original metamorphosed Meso-Cenozoic sedimentary rocks and covered by non-Meso-Cenozoic sequences. metamorphosed. Among these metamorphosed rocks are the famous marble of the Apuan quarries, deriving from the transformation of limestone rocks.

Central Apennines Edit

The central Apennines are characterized by the development, starting from the Lias of the extensive carbonate platform of Lazio in Abruzzo, and by the external Umbrian Marche basins and the internal Tuscan basin.

Southern Apennines Edit

Geologically, the southern Apennines to the north are limited by the Ancona-Anzio line, a regional system of NNE-SSW oriented transient fault, while to the south it continues up to the reliefs of northern Sicily. The Calabro-Peloritano Arch, which largely includes the Calabrian region, between the transcurrent system of Sangineto and the overthrust of Taormina, presents peculiar characteristics with respect to the contiguous chains, both from the petrographic point of view with the presence of igneous rocks and structural. The foreland of the chain is represented by an alternation of carbonate platforms and basin successions originating during the Mesozoic rifting.

Adriatic Foreland Edit

The Adriatic foreland consists of a strip located to the east of the Apennine chain, characterized by a powerful Plio-Pleistocene succession, in contact with the Apennine folds, deposited above a powerful Mesozoic-Miocene carbonate series that continues eastwards, emerging on the Istrian Balkan coast , scendendo lungo la penisola, l'avampaese a nord del Gargano affiora formando la penisola apula e la successione plio-pliocenica prosegue lunga la valle del Basento terminando nel golfo di Taranto.

Geologia della Calabria Modifica

La Calabria appartiene al dominio geologico chiamato Arco Calabro Peloritano che viene interpretato dai geologi come un frammento distinto di catena Alpina s.s., infatti a differenza dell'Appennino meridionale è costituito da unità tettoniche di rocce non calcaree, bensì metamorfiche o cristalline, in parte risalenti almeno al Paleozoico. L'interpretazione dell'arco calabro e la sua ricostruzione evolutiva in un contesto paleogeografico ha da sempre rappresentato uno dei problemi più interessanti della geologia del Mediterraneo.

Geologia dei mari Modifica

Sicilia e Canale di Sicilia Modifica

Mar Tirreno geologia Modifica

Il Mar Tirreno è un'area interessata da tettonica distensiva, interpretata come un piccolo bacino in corso di oceanizzazione, nel cui contesto assumono importanza di primo piano i vulcani sottomarini Marsili e Vavilov.

Mar Ionio geologia Modifica

Mare Adriatico Modifica

Il mar Adriatico è sviluppato al di sopra dei calcari mesozoici e cenozoici dell'avampaese apulo appenninico, ed è caratterizzato da un elevato spessore di sedimenti plio-pleistocenici, spesso attribuibili a depositi torbiditici distali terrigeni, originati dal trasporto in mare per opera dei fiumi appenninici e da quelli padani dei detriti derivanti dallo smantellamento delle Alpi e dell'Appennino settentrionale e centrale. Questa deposizione è stata interessata dalla tettonica compressiva legata all'orogenesi appenninica, provocando una serie di pieghe anticlinaliche, che hanno formato numerose trappole strutturali dando origine a giacimenti di gas naturale, oggetto di ricerca e sfruttamento sia da parte dello Stato italiano sia di quello croato.

L'analisi di sezioni sismiche ha rivelato la presenza, entro la serie terrigena, di diapiri di argilla e sorgenti naturali spontanee che rilasciano gas naturale dal fondale marino [12] .

Blocco sardo-corso Modifica

Il blocco sardo-corso è, un frammento di litosfera continentale, di pertinenza europea, costituito principalmente dalle isole di Sardegna e Corsica.

30 milioni di anni fa tale blocco, staccandosi dalla Provenza ha incominciato ad allontanarsi dalla placca europea, in particolare, ruotando in senso antiorario.

Pianura Padana e Pianura Veneta Modifica

Sulla sua superficie topografica oggi si trovano depositi continentali fluviali e fluvio-glaciali (con spessori di svariate centinaia di metri) che depostisi spesso in discordanza sopra una serie di rocce sedimentarie marina, superiormente di età plio-pleistocenica e costituita inferiormente dalla sequenza tettonizzata del dominio sudalpino a nord e del dominio nord appenninico a sud, con assetto strutturale fatto di pieghe e sovrascorrimenti e non privo di complicazioni neotettoniche.

Sin dal tardo Cretacico, l'area ora occupata dalla pianura padana ha rappresentato la parte frontale di due catene di opposta convergenza: l’Appennino settentrionale e le Alpi meridionali, le cui fronti sembrano incontrarsi sotto la pianura padana. Nell'Oligocene si ha l'inizio della sedimentazione clastica marina, iniziata a ovest e proseguita per tutta l'area fino al quaternario, il materiale terrigeno che si sedimentava era fornito dallo smantellamento dei primi rilievi generati inizialmente dall'orogenesi alpina e quindi da quella appenninica.

L'aspetto finale della pianura padana si è raggiunto con il riempimento definitivo del bacino, cominciato nel Pliocene, con depositi dapprima marini e poi continentali, delle aree bacinali ampiamente subsidenti delle avanfosse padane.

Nel pliocene le due pianure erano occupata dall'estensione del mare adriatico entro il golfo padano, a settentrione sedimenti marini marini pliocenici sono stati rinvenuti anche nel Canton Ticino a Balerna, a meridione i sedimento plio-pleistocenici costituiscono il pedeappenino emiliano, mentre la pianura costituisce un bacino sedimentario con una spessa sequenza sedimentaria marina, ricoperta infine dai depositi quaternari continentali.

Studi sulla base della sequenza plio-quaternaria nella porzione centrale e meridionale della pianura padana, mostrano il tipico sviluppo di una serie di sub-bacini sedimentari di tipo sin-orogenetico o a piggy-back, formatisi a seguito di movimenti ricollegabili a varie fasi tettoniche dell'orogenesi appenninica appenniniche, che hanno generato una serie di falde complesse a vergenza settentrionale con ricoprimenti multipli. Il bordo porzione settentrionale della pianura, presenta a est del lago di Garda una struttura monoclinale immergente verso Sud, detta monoclinale veneta anch'essa suddivisa da faglie, mentre a ovest del Garda, fino a Torino vi è una serie di pieghe a vergenza meridionale, formatisi a a partire del Miocene medio superiore.

L'assetto contemporaneo delle pianure è il risultato dell’azione di numerosi corsi d’acqua che hanno, in successivi tempi geologici e storici, asportato e apportato sedimenti fluviali al bacino marino costiero, soggetto a fenomeni di subsidenza, che occupava l’odierna pianura padana. La gran parte dei depositi superficiali affioranti è il prodotto dell’attività fluviale, posteriore all'ultima glaciazione würmiana conclusasi circa 30000 anni fa. Lo scioglimento dei ghiacciai, liberando una gran quantità d’acqua in tempi geologicamente brevi ha comportato l'erosione dei grandi corpi morenici, edificati precedentemente dall'attività dei ghiacciai lungo il fronte glaciale i materiali erosi a monte o in prossimità dei depositi morenici presenti all'inizio delle vallate, furono rideposti a valle.

Dal punto di vista strutturale, sebbene il definitivo assetto del substrato sepolto venga tradizionalmente associato a una fase tettonica pliocenica media-inferiore (databile dalla discordanza esistente tra i sedimenti plio-pleistocenici marini e il substrato più antico), si ritiene che i depositi alluvionali quaternari siano stati successivamente coinvolti in fasi neotettoniche, condizionando così anche la morfogenesi più recente. L'attività sismica, presente soprattutto sul margine emiliano e nell'area friulana e responsabile anche di gravi terremoti, conferma che la fase di attività tettonica non è ancora terminata.

Stratigraficamente si ritrovano sedimenti di tutti i periodi del Fanerozoico dal cambriano al quaternario, alcuni affioramenti in Sardegna sono dubitativamente attribuiti al precambriano, tuttavia le sequenze sedimentarie più complete e diffuse iniziano dal Permiano. In diversi affioramenti lo spessore e la continuità stratigrafica delle sequenze mesozoiche e cenozoiche è tale che sono stati usati come stratotipi per definire dei piani stratigrafici usati a scala planetaria, alcuni dei quali sono tuttora considerati validi.

PrePaleozoico Italiano Modifica

Dubitativamente alcune metamorfiti alternate con arenarie e peliti affioranti in Sardegna, e appartenenti al dominio europeo, sono attribuiti al precambriano [13]

Paleozoico italiano Modifica

Cambriano - Carbonifero Italiano Modifica

Rocce cambriane si trovano nella Sardegna sudoccidentale, dove affiora una potente successione sedimentaria debolmente metamorfosata a seguito dell'orogenesi ercinica, suddivisibile in quattro unità litostratigrafiche: Formazione di Bithia di natura detritica, Formazione di Nebida costituita da argille a arenarie con lenti di calcari con archeociati e alghe e Formazione di Gonnesa costituita da dolomie, tutte del cambriano inferiore e la Formazione di Cabitza costituita da argilloscisti del cambriano medio superiore. Stratigraficamente la sequenza presenta affinità con sequenze coeve presenti nella Francia meridionale e nella Meseta spagnola.

L'Ordoviciano affiora in Sardegna con i metaconglomerati e le metarenarie della Formazione di Monte Argentu di origine continentale e nelle alpi Carniche nel tarvisiano con calcari marini a cistoidi dell'ordoviciano superiore.

Anche il Siluriano è scarsamente affiorante e anch'esso si rinviene esclusivamente in Sardegna e in Carnia stessa distribuzione limitata si ha per i terreni del Devoniano.

Il Carbonifero è presente in diversi affioramenti con sedimenti terrigeni continentali, in Liguria, Valle d'Aosta nella zona del Piccolo san Bernardo ove si rinviene una flora fossile a Calamites , in Lombardia nelle arenarie del Moscoviano in val Sanagra ricche in varie specie fossili, tra cui Sigillaria, [14] [15] al confine con la Svizzera ove è presente nell'area di Manno, nei Monti Pisani in Toscana con flora a Lepidodendron is Lyginopteris e nella Sardegna meridionale con depositi lacustri del Carbonifero superiore.

Permiano Italiano Modifica

La geologia permiana può essere suddivisa in aree con sedimentazione legata a una fase molassica di fine orogenesi ercinica e aree con sedimentazione marina.

Le prime aree comprendono bacini continentali, legati a tettonica distensiva tardo post ercinica e sono principalmente: i bacini della Sardegna centro-orientale (zone dell'Ogliastra, Barbagia, Mulargia) e della Nurra a nord ovest nell'isola, dove si rinvengono sedimenti terrigeni associati a vulcaniti e flora fossile del permiano inferiore il bacino di San Lorenzo e Monte Pisano, nella Toscana settentrionale dove sono presenti sedimenti pelitici arenacei, con livelli carboniosi e flore fossili, bacino del Collio nel sudalpino, dove inizia la sequenza inizia con un conglomerato basale, seguita dalla Formazione di Collio, con flore del permiano inferiore (Val di Non e Trevigiovo, sopra cui si deposita il conglomerato di Dosso dei Galli, le siltiti violacee della pietra Simona e la Formazione di Ponteranica, infine nell'area dolomitica atesina la sedimentazione permiana inizia con le Arenarie di Val Gardena e termina con i calcari della Formazione a Bellerophon.

Associati a questi sedimenti continentali si rinvengono tracce di deambulazione di vertebrati terrestri: anfibi e rettili nella formazione di Collio nelle Alpi Orobie, e impronte di rettili nelle arenarie della Val Gardena.

Le aree a sedimentazione marina sono:

  • il bacino carnico a partire dal Cadore, andando verso est, con la sedimentazione del gruppo del Rattendorf del permiano inferiore sopra il gruppo dell'Auerning del carbonifero superiore, a a cui segue la sedimentazione del Trogkofel (Permiano inferiore medio) costituenti dei ciclotemi marino-deltaici- paralici con progressivo aumento della componente carbonatica, tipicamente fossiliferi e correlabili con le sequenze coeve dell'Europa occidentale e della piattaforma russa.
  • Bacino toscano dove all'isola d'Elba si rinvengono rare fusoline del permiano inferiore, sulla sommità' della sequenza carbonifera marina.
  • Il bacino siciliano (Sicilia Centrale) con i calcari fossiliferi della Valle del Sosio del permiano medio e la formazione Lercara costituita da peliti argillose e calcareniti a Fusoline[16]

Fossili significativi del paleozoico italiano Modifica

Tariccoia arrusensis, piccolo Liwiidae sardo, Devoniano superiore, raccolto nel membro Arrus, della formazione Monte Argentu


Ambiente

La complessità delle interrelazioni tra progetti e realtà ambientali in cui gli stessi debbono essere realizzati impone una attenta valutazione dell'impatto e dell'integrazione delle opere con l'ambiente circostante.
La Geoconsult tramite personale e sistemi qualificati è in grado di sviluppare avanzate capacità di analisi, controllo e valutazione dell'impatto delle infrastrutture territoriali.
La Società è in grado di coprire campi quali la formazione di tecnici, monitoraggio dei parametri ambientali, gestione di opere di trattamento e recupero ambientale nonché pianificazione territoriale.

GESTIONE IMPIANTI TRATTAMENTO RIFIUTI
La crescita dei sistemi produttivi è accompagnata dalla presenza sempre maggiore di scarti, emissioni e rifiuti provenienti sia dalla produzione sia dal consumo, con effetti di inquinamento e degradazione dell'ambiente. I fenomeni di degradazione ambienta le hanno acquisito maggiore attenzione nella pubblica opinione e, conseguentemente, si è reso necessario sviluppare lo studio sistematico delle cause del degrado ecologico al fine di individuare i più opportuni mezzi operativi per pervenire ad un più efficace controllo della qualità dell'ambiente.
La Geoconsult è stata una delle prime società italiane a rendersi conto dell'importanza fondamentale di questa ricerca, non fermandosi a studi con effetti semplicemente "curativi" dei fenomeni inquinanti, ma estendendo la ricerca al fattore veramente risolutore del problema: la prevenzione.
La Geoconsult adotta tecniche e criteri innovativi al fine di pervenire ad obiettivi focalizzanti i seguenti aspetti:

  • la sorveglianza, il controllo e la previsione dei fenomeni di inquinamento
  • l'analisi, la previsione e la prevenzione delle conseguenze delle attività umane sull'ambiente
  • l'analisi e la valutazione delle tecnologie di controllo e mitigazione dell'inquinamento e di risanamento ambientale
  • selezione, recupero ed utilizzo dei componenti
  • produzione di biomasse utilizzabili a scopi alimentari, energetici e fertilizzanti

INTERVENTI TIPO

MANFREDONIA (FG)
ASTALDI SpA, 1990
STUDIO DI FATTIBILITA'
Studio per l'avviamento e la gestione di un complesso di n.9 impianti di depurazione distribuiti nel territorio del golfo di Manfredonia nei paesi di Biccari, Faeto, Monteleone, Colle S. Vito, Lucera, Troia, Ruggiano, Macchia

VALLE DEL TURANO (RI)
COMUNITA' MONTANA DEL TURANO, 1986
STUDIO DI FATTIBILITA' (Progetto C.E.E.)
Studio di un impianto di smaltimento di rifiuti solidi urbani accoppiato ad un impianto di pirolisi e studio socioeconomico, idromorfologico, geologico e tettonico.
Reti di adduzione acqua, analisi della viabilità e reti elettriche (Carta Forestale), Carta R.S.U. ed energia.
Studio dei vincoli e strumenti urbanistici

MONITORAGGIO EFFETTI AMBIENTALI
Lo studio dei parametri fisico-chimici dei materiali da costruzione, la progettazione e l'assistenza in corso d'opera di importanti infras trutture ed il monitoraggio in senso lato, hanno costituito sin dalle origini i campi principali di attività della Geoconsult. Lo sviluppo delle tematiche ambientalistiche ha determinato un progressivo adeguamento dei criteri operativi delle suddette attività e ha consentito la formazione di un bagaglio di esperienza di notevole consistenza, soprattutto per quanto riguarda il monitoraggio dei fattori ambientali (acqua-aria) e la progettazione del recupero ambientale.
Una significativa esperienza è stata maturata nella gestione di centraline elettroniche di proprietà dell'ENEA per il monitoraggio di acque lacustri, dove oltre al controllo dei dati fisico-chimici registrati in automatico ed il relativo confronto con gli stessi eseguiti in laboratorio, è stata effettuata la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'intero impianto. Relativamente al discorso del recupero ambientale, inteso sia come bonifica di terreni interessati da preesistenti insediamenti industriali, sia come ripristino di equilibri ambient ali compromessi da fattori inquinanti, un valido esempio è costituito dallo studio di fattibilità per l'appalto concorso del progetto Molentargius di Cagliari, per il quale è stato necessario l'esame di tutti i parametri fisico-chimici e batteriologici di acqua e terreno, per una corretta valutazione di recupero ambientale.

INTERVENTI TIPO

S.S. 195 Sulcitana (CA)
GLF Grandi Lavori Fincosit 2013 ed attualmente in corso
Piano di Monitoraggio Ambientale (AO,CO,PO) relativo ai lavori di costruzione della nuova S.S. 195 “Sulcitana”, tratto Cagliari – Pula, Lotti 1 e 3 ed Opera Connessa Sud. Tali attività sono state appaltate dall’ANAS S.p.A., sede compartimentale di Cagliari.

ASSE VIARIO MARCHE–UMBRIA E QUADRILATERO DI PENETRAZIONE INTERNA
VAL DI CHIENTI S.C.p.a – 2010 ed attualmente in corso Piano di Emergenza Idrica (P.E.I.) relativamente alla realizzazione con qualsiasi mezzo del Maxi -Lotto n.1 del sistema ”Asse Viario Marche–Umbria e Quadrilatero di penetrazione interna” – Lavori di completamento della direttrice S.S. 77 “Val di Chienti” Civitanova Marche – Foligno tramite realizzazione del tratto Collesentino II – Foligno a sezione cat. B del D.M. 5.11.2001 e degli interventi di completamento e collegamento della viabilità esistente Sublotto 1.2 – 2.1 – TRATTO FOLIGNO – PONTELATRAVE.

ASSE VIARIO MARCHE–UMBRIA E QUADRILATERO DI PENETRAZIONE INTERNA
VAL DI CHIENTI S.C.p.a – 2010 ed attualmente in corso.
Monitoraggio Ambientale relativamente alla realizzazione con qualsiasi mezzo del Maxi-Lotto n.1 del sistema ”Asse Viario Marche–Umbria e Quadrilatero di penetrazione interna” – Lavori di completamento della direttrice S.S. 77 “Val di Chienti” Civitanova Marche – Foligno tramite realizzazione del tratto Collesentino II – Foligno a sezione cat. B del D.M. 5.11.2001 e degli interventi di completamento e collegamento della viabilità esistente Sublotto 1.2 – 2.1 – TRATTO FOLIGNO – PONTELATRAVE.

S.S. 195 Sulcitana (CA)
GLF Grandi Lavori Fincosit 2009 - 2010
Indagini preliminari al piano di caratterizzazione relativo ai lavori di costruzione della nuova S.S. 195 “Sulcitana”, tratto Cagliari – Pula, Lotti 1 e 3 ed Opera Connessa Sud. Tali attività sono state appaltate dall’ANAS S.p.A., sede compartimentale di Cagliari.
La campagna di indagini preliminari è stata indirizzata a monitorare le matrici ambientali suolo, sottosuolo e acque sotterranee presenti nel territorio interessato dai suddetti lavori.

AUTOSTRADA SA - RC
REGGIO CALABRIA – SCILLA S.C.p.A – 2008 ed attualmente in corso.
Monitoraggio ambientale. Lavori di ammodernamento – adeguamento al tipo 1A delle Norme CNR/80 dal Km 423+300 al Km 442+750 (lotto DG87)

AUTOSTRADA SA - RC
SALERNO REGGIO CALABRIA S.C.p.A. – 2008 ed attualmente in corso.
Monitoraggio ambientale. Lavori di ammodernamento – adeguamento al tipo 1A delle Norme CNR/80 dal Km 393+500 al Km 423+300 (lotto DG24).

STABILIMENTO SYNDIAL DI ASSEMINI (CA)

ASTALDI – 2005
Messa in sicurezza dell’area esterna dello stabilimento. Prove, controlli, certificazioni nel corso della realizzazione degli interventi, nonché nel corso del monitoraggio periodico di sostanze organiche ed inorganiche e di quello continuo sulle sostanze volatilie polveri, previsto dal Piano di Sicurezza e Coordinamento.

St. Pierre (AOSTA)
R.A.V. SpA - RACCORDO AUTOSTRADALE VALLE D'AOSTA. 2004
Realizzazione e gestione di un sistema telematico di monitoraggio per la centralizzazione ed automatizzazione delle attività di acquisizione ed elaborazione dei dati relativi alle reti di monitoraggio già installate nelle gallerie autostradali di Avise e Prè Saint Didier.

TAV
ASG S.c. a r.l.– 2002
LINEA ALTA VELOCITÀ TRATTA MI-BO
Esecuzione delle attività relative alla rilevazione, raccolta, processo e conservazione dei dati necessari alla stesura delle R.A.M. (Reliability, Availibility and Maintenance) per le strumentazioni di monitoraggio in corso d’opera e definitive delle opere.

DOLONNE (AOSTA)
SPEA SPA - AUTOSTRADA MONTE BIANCO-AOSTA - 2000 – 2002
MONITORAGGIO IDROGEOLOGICO DELL'AREA INTERESSATA DALLA COSTRUZIONE DELLA
GALLERIA DOLONNE
Rilievo parametri chimico fisici e misure di portata di sorgenti. Gestione sistema automatico di monitoraggio dei livelli piezometrici

PALLESIEUX (AOSTA)
R.A.V. SpA - RACCORDO AUTOSTRADALE VALLE D'AOSTA. 1997-2000
GALLERIA DI PRE’ SAINT DIDIER
Installazione e gestione di un sistema di monitoraggio su edifici e ammasso roccioso interessati dalle volate eseguite in galleria della nuova Galleria di Chabodey.
DOLONNE (AOSTA)

AOSTA
EUROVIE COSTRUZIONI - 1991-1992
RACCORDO STRADALE A5 - S.S. 7 (GRAN S. BERNARDO)
Monitoraggio acustico e vibrazionale degli effetti indotti dalle volate eseguite in galleria.

CHABODEY (AOSTA)
R.A.V. SpA - RACCORDO AUTOSTRADALE VALLE D'AOSTA. 1990-1992
GALLERIA DI CHABODEY
Installazione e gestione di un sistema di monitoraggio su edifici e ammasso roccioso interessati dalle volate eseguite in galleria della nuova Galleria di Chabodey.

CAGLIARI (CA)
S.P.S. - MOLENTARGIUS. 1990
STUDIO DI FATTIBILITA'
Studio per il recupero ambientale del bacino lacustre dello stagno di Molentargius. Analisi batteriologiche. Analisi granulometriche Prove penetrometriche statiche

PASSIGNANO (PG)
ENEA - Settore AMB/MOO/RETI
IMPIANTO MONITORAGGIO ACQUE TRASIMENO. 1988-1992
Manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto ed esecuzione di analisi fisico-chimiche in laboratorio per validare i dati rilevati automaticamente.


Parametri geologici e fisici del Golfo di Salerno

Cresce il valore delle filiere delle Indicazioni Geografiche con la Puglia del vino che vola con un aumento del 62% in un anno, un segnale di dinamismo di un settore che è divenuto traino per l’economia della regione. E’ l’analisi di Coldiretti Puglia sulla base dei dati del Rapporto 2019 Ismea – Qualivita che registra un balzo in avanti delle ricadute economiche dovute alle filiere DOP e IGP del cibo e del vino.

“La Puglia è una delle 5 regioni dove si registra un incremento sensibile delle performance delle Indicazioni Geografiche del vino, pari a 142milioni di euro, con la provincia di Taranto che tira la volata con 42 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente”, commenta con soddisfazione Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La Puglia può contare – aggiunge Coldiretti Puglia - su 623 specie autoctone vegetali a rischio di estinzione, 276 prodotti riconosciuti tradizionali dal MIPAF, 11 prodotti DOP (5 oli extravergini, patata novella di Galatina, Pane di Altamura, canestrato pugliese, mozzarella di bufala e oliva Bella di Cerignola, caciocavallo silano, mozzarella di Gioia del Colle, 29 vini DOC, oltre a 632 varietà vegetali a rischio estinzione.

“La Puglia guida la classifica dell’olio extravergine di oliva con un valore pari a 25 milioni di euro e ci auguriamo che con la IGP Olio Puglia si riescano ad ottenere risultati ancor più soddisfacenti”, insiste il presidente Muraglia.

Quella per l’Olio di Puglia è la 9 IGP riconosciuta alla Puglia, dopo i riconoscimenti per la lenticchia di Altamura, la burrata di Andria, la Cipolla Bianca di Margherita, l’Uva di Puglia, il Carciofo Brindisino, l’Arancia del Gargano, il Limone Femminello del Gargano e le Clementine del Golfo di Taranto, ricorda Coldiretti Puglia.

“Il brand IGP garantirà che l’olio extravergine sia di alta qualità - aggiunge il presidente Muraglia - con parametri chimico-fisici ed organolettici di assoluto valore, faccia bene alla salute, perché il disciplinare prevede che solo oli con un elevato livello di polifenoli - i più importanti antiossidanti naturali - possano diventare IGP, certificando le proprietà con un apposito claim salutistico in etichetta previsto dall’UE sia un olio sempre fresco, perché dovrà essere imbottigliato entro l’anno di produzione e sia di assoluta provenienza regionale, un olio certamente “Made in Puglia” sia per la produzione delle olive, sia per la trasformazione in olio, ma anche per il confezionamento che dovrà essere effettuato a una distanza definita dal luogo di produzione”.


Di Francesco Suman

CONDIVIDI

Eruzione dell'Etna, gennaio 2011. Cirimbillo

La scienza della vulcanologia nasce sulle pendici del Vesuvio nel 79 d. C., con l’eruzione che sommerse Pompei e Ercolano. Dall’altra parte del golfo di Napoli, nell’area dei Campi Flegrei a Capo Miseno, Plinio il Giovane osservò quell’evento straordinario e lo descrisse in dettaglio in una delle sue Epistulae. “Da quel documento i vulcanologi di tutte le epoche hanno appreso moltissimo” commenta Francesca Bianco, direttrice dell’Osservatorio Vesuviano, sezione di Napoli dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. L'Osservatorio Vesuviano è il più antico osservatorio vulcanologico al mondo, fondato nel 1841 dal re delle Due Sicilie Ferdinando II di Borbone. “E dal documento di Plinio il Giovane continuiamo ad apprendere moltissimo, perché man mano che aumenta la conoscenza dei fenomeni anche le informazioni riportate in quella cronaca così rilevante ci restituiscono conoscenze su aspetti che magari prima erano stati trascurati. Non a caso le grandi eruzioni oggi vengono chiamate pliniane”.

Intervista a Francesca Bianco, direttore dell'Osservatorio Vesuviano. Montaggio di Elisa Speronello

La vulcanologia è una scienza molto interdisciplinare, perché basa le sue predizioni su dati di natura molto diversa tra loro. Tiene insieme la fisica, la chimica, la geologia, la matematica, l’informatica e tenta di rispondere a una domanda fondamentale: quali sono i processi fisici e chimici che avvengono all’interno della Terra e che generano un’eruzione vulcanica?

Queste ultime possono essere di diversi tipi e hanno una varietà di impatti straordinaria: ci sono quelle esplosive, catastrofiche, ma anche quelle effusive, che modellano in modo diverso il territorio.

Circa il 10% dell’umanità vive in prossimità di vulcani attivi. “Oltre alla sfida scientifica di prevedere in modo sistematico tutti i tipi di eruzione vulcanica, c’è anche un interesse di tipo sociale, legato alla salvaguardia della vita umana e alla messa in sicurezza del territorio e delle infrastrutture” specifica Francesca Bianco.

Una delle caratteristiche fondamentali del monitoraggio dei vulcani attivi è il cosiddetto approccio multiparametrico, che la vulcanologia italiana soprattutto ha contribuito fortemente a sviluppare. “Significa strumentare i nostri vulcani con apparati diversi che misurano quantità fisiche e chimiche differenti, ma che insieme ci danno le informazioni che poi ci aiutano a definire lo stato del vulcano. Ormai il mondo scientifico si sta sempre di più muovendo verso l’integrazione dei saperi, che non era così scontata fino a qualche anno fa, e la nostra disciplina ne sta beneficiando”.

Per quanto riguarda la capacità della vulcanologia di fare predizioni, l’approccio prevalente resta quello probabilistico. “Non siamo in grado di fare previsioni a breve termine, un analogo delle previsioni del tempo per intenderci. Le nostre previsioni probabilistiche funzionano più sul lungo termine, ma man mano che i segnali anomali che ci dà il vulcano aumentano tanto più potremmo essere in grado di fare previsioni probabilistiche a più breve termine”.

L’eruzione del monte St. Helen’s del 1980, nello Stato di Washinton, Usa, ha segnato una svolta negli approcci quantitativi nello studio dei vulcani. “Chi stava effettuando i monitoraggi ha visto che i segnali erano così tanti, palesi e macroscopici che si è capito che il vulcano avrebbe eruttato. Non si è capito che sarebbe successo il giorno Y all’ora X, ma si è stati in grado di dire che il vulcano avrebbe sicuramente eruttato e che l’area interessata doveva essere evacuata, cosa che è stata fatta, a parte alcuni resistenti che non si sono voluti muovere e circa 50 persone hanno anche perso la vita”.

Eruzione del Vesuvio del 1944 vista da Napoli

L’ultima eruzione dei Campi Flegrei risale al 1538. “Quella dei Campi Flegrei è una caldera importantissima dal punto di vista vulcanologico, ma lo è anche dal punto di vista sociale, oggi è nell’area urbana della città di Napoli e nelle cittadine dell’area flegrea: Pozzuoli, Quarto, Monte di Procida. Nel 1538 sicuramente non era così urbanizzata, tuttavia i fenomeni che si sono osservati in quell’area già anni prima dell’eruzione sono stati così macroscopici (sollevamenti del suolo di anche 7 metri, continui terremoti) che la gente che abitava nel luogo evacuò spontaneamente: fu la prima azione di protezione civile spontanea che noi conosciamo”.

Esistono però anche fenomeni che i vulcanologi non riescono ancora a predire, come ad esempio le esplosioni improvvise in vulcani a condotto aperto, che solitamente invece mostrano un’attività di fondo continua, come l’Etna. “Quello che stiamo facendo è aumentare la nostra sensibilità tecnologica, la capacità di rilevare segnali anche piccoli e poco energetici di parametri chimici e fisici, come sismicità, deformazioni del suolo, contenuto chimico dei gas che fuoriescono dai vulcani, temperatura dell’aria con telecamere a infrarossi, variazioni di gravità (se il magma risale cambia la quantità di massa e quindi cambia anche l’accelerazione di gravità). Stiamo abbassando la nostra soglia di detezione delle anomalie di questi parametri in modo tale da intercettare anche il più piccolo evento rilevabile”.

Di recente si è aperta anche una nuova strada per la vulcanologia: l’utilizzo dei big data. Lo sfruttamento dei sensori, a volte anche montati su droni, e le immagini fornite dalle costellazioni di satelliti che dallo spazio monitorano il suolo, hanno messo a disposizione degli scienziati una quantità enorme di dati che può venire analizzata dai sistemi di intelligenza artificiale. In queste serie storiche di dati gli algoritmi imparano a estrarre delle regolarità (pattern) che poi utilizzano per fare previsioni su un futuro in cui viene proiettata la conoscenza del passato. “Questa è una delle strade obbligate che dobbiamo percorrere. Naturalmente dobbiamo educare il più possibile questi approcci alla conoscenza di informazioni fisiche e chimiche e dei processi che regolano questi fenomeni. Noi utilizziamo già questo tipo di approccio fatto di reti neurali e machine learning. Credo che man mano che i nostri dati aumenteranno sempre più in volume (in pochi mesi riusciamo a centuplicare la quantità di dati che possiamo studiare) ridurremo sempre più l’incertezza sulle nostre attività predittive, per quanto ancora di natura probabilistica al momento”.


Video: Geology 1 The Science of Geology


Previous Article

Fruit trees grow in vegas

Next Article

Vesuvius plant care